IL MIO ZAINO NON È SOLO CARICO DI MATERIALI:
DENTRO CI SONO LA MIA EDUCAZIONE, I MIEI AFFETTI, I MIEI RICORDI,
IL MIO CARATTERE, LA MIA SOLITUDINE.
IN MONTAGNA NON PORTO IL MEGLIO DI ME STESSO:
PORTO ME STESSO, NEL BENE E NEL MALE.
Renato Casarotto

domenica 25 maggio 2008

Quattro passi indietro nel tempo...

...questa domenica decidiamo di non andare in montagna, ma di fare un'escursione culturale, gastronomica... borghi medioevali tra i più belli d'Italia, colline verdi come se fossero uscite dalla tela di un pittore, un buon bicchiere di vino seduti a tavola, gustando prodotti famosi in tutto il mondo...tutto questo esiste e si trova in provincia di Piacenza. Partiamo da Legnano che sono circa le 8.00, prendiamo l'autostrada verso Bologna, dopo circa un'ora usciamo a Fiorenzuola. Lorenzo ci propone come prima meta, l'Abbazia di Chiaravalle della Colomba a Alseno. Idea davvero grandiosa, appena entrati nella basilica rimaniamo a bocca aperta, in occasione della festa liturgica del Corpus Domini che si svolge in giugno, si può ammirare la celebre infiorata, un magnifico tappeto di petali, che corre dall’ingresso al presbiterio della basilica raffigurando motivi eucaristici...una vera opera d'arte. Ammiriamo anche lo straordinario chiostro trecentesco, dove le centotrenta colonnine in marmo rosa di Verona, fanno da cornice. Riprendiamo le auto, dirigendoci verso Vigoleno, attraversiamo le colline dove notiamo la cura con cui sono state coltivate, dopo alcuni tornanti arriviamo al parcheggio situato poco distante dall'entrata. Appena varcate le mura sembra di tornare indietro nel tempo, e se si rimane in silenzio sembra quasi di udire i cavalli che salgono la via acciottolata, con le armature scintillanti dei cavalieri che si dirigono al castello. Non esagero dicendo che è senz'altro uno dei borghi medioevali più belli che abbia mai visto, la chiesa romanica dedicata a S. Giorgio risalente al 1100, il castello con al centro il mastio, sulle mura si può immaginare di intravedere soldati che stanno facendo la ronda...un piccolo tesoro arrivato intatto fino ai giorni nostri. Ripartiamo per andare a vedere un'altro borgo medioevale, Castel'Arquato, lasciamo l'auto in uno dei tanti posteggi fuori dalle mura. Saliamo verso il borgo, dove si respira atmosfere d'altri tempi, arriviamo alla piazza monumentale che è tra le più belle dell’Italia del nord. Le case sono basse color mattone, i vicoli stretti acciottolati e i colori dei tanti fiori fanno da cornice a questo posto ricco di storia millenaria, comincia tanto per cambiare a piovere...
Siamo orami arrivati a giugno e il caldo comincia a farsi sentire, ma soprattutto la gola è secca, corbezzoli ma siamo sui colli piacentini dove le aziende vinicole non mancano di certo. Usciamo da Castel'Arquato e ci dirigiamo verso Socciso, all'azienda vinicola Casabella dove la signora Gabriella gentilmente ci fa assaggiare dei vini davvero ottimi e che noi contraccambiamo comprando alcune bottiglie da portare a casa, chiacchierando chiediamo dove poter mangiare, la signora ci manda a poca distanza dalla sua azienda alla trattoria la Crocetta dei 4 diavoletti...direi che consiglio migliore non poteva darci...degna di nota i pisarei e fasò. In conclusione una giornata da 10, soprattutto per l'ottima compagnia di Deborah, Paola, Danilo, Silvio e Lorenzo.
Malati di Montagna

Abbazia di Chiaravalle della Colomba - l'infiorata



Vigoleno - Il borgo



Piazza Monumentale - Castel'Arquato

1 commento:

  1. Per completare la relazione aggiungo: dislivello minimo, difficoltà alpinistiche nulle, attrezzatura tra l'elegante e lo sportivo a seconda delle preferenze(le ghette non sono necessarie)e tempo di percorrenza valutabile in quattro passi. Il resto è ben descritto da Fabio. Ciao danilo

    RispondiElimina