IL MIO ZAINO NON È SOLO CARICO DI MATERIALI:
DENTRO CI SONO LA MIA EDUCAZIONE, I MIEI AFFETTI, I MIEI RICORDI,
IL MIO CARATTERE, LA MIA SOLITUDINE.
IN MONTAGNA NON PORTO IL MEGLIO DI ME STESSO:
PORTO ME STESSO, NEL BENE E NEL MALE.
Renato Casarotto

lunedì 14 gennaio 2019

31 dicembre 2018: ultimo giorno dell'anno al Rifugio Gabiet!!

Che sorpresa abbiamo fatto a Mirella e Sandro!
i cari amici gestori del Rifugio Gabiet non si aspettavano proprio di vederci durante l'inverno, noi, che frequentiamo assiduamente da anni l'alta Valle di Gressoney durante l'estate per lo studio della flora alpina!



31 dicembre 2018: escursione di Chiara & Roberto

Questa volta siamo saliti partendo da Alagna in Valsesia (1191 m) con la telecabina che in un attimo ci porta a Pianalunga (2046 m), il cuore del "Freeride Paradise";


da qui il moderno e ardito Funifor ci catapulta alla quota di 2980 m del Passo dei Salati.





l'Istituto Scientifico "Angelo Mosso", inaugurato nel 1907, è situato nella conca tra il Corno del Camoscio e lo Stohlemberg, a 2.901 m presso il Col d'Olen.
Stambecco del Passo dei Salati

La giornata è magnifica e da qui il panorama sulla Val Sesia, la Valle di Gressoney e il Massiccio del Rosa è di incomparabile bellezza!
Con l'ultimo impianto, la telecabina Salati-Gabiet scendiamo in prossimità del Rifugio,


che poi raggiungiamo con un breve tratto a piedi muniti di ciaspole.




Rifugio Gabiet, 2375 m





Dopo il consueto ricco e gustoso pranzo a base di specialità locali,


rimesse le ciaspole, raggiungiamo il Lago Gabiet (2367 m) completamente ghiacciato.

Schwoarzehòre (2708 m)

Seehòre (2581 m)
Vincentpiramid, 4215 m
A destra si può individuare la stazione a monte della funivia Salati-Indren (3375 m), a sinistra il Rifugio Mantova (3498 m) e la Capanna Gnifetti (3647 m).
Lyskamm (4527 m).



Stralingspétz (Punta Straling, 3115 m) e Groshòre (Corno Grosso, 3042 m)
Lago Gabiet, 2367 m
Seehòre (2581 m) e la diga sud


La Cappelletta del Gabiet e il Massiccio del Rosa sullo sfondo






Con un saluto e tanti auguri a Mirella e Sandro ........
........... arrivederci alla prossima estate!!

sabato 12 gennaio 2019

Monte Bronzone...aspettando la neve....

Il Monte Bronzone è una delle montagne più panoramiche del Basso Sebino. Grazie a un moderno geolabio, fatto con dei tubi in ferro, si possono osservare le più rappresentative cime orobiche, splendida anche la vista sulla pianura padana, sul lontano Monte Rosa, fino al Monviso. Sulla cima è stata collocata una grande croce con campana, dedicata al "Papa buono".
Malati di Montagna: Renzo, Danilo, Pg e il selvadego

Monte Bronzone 1334 m






Croce di Predore 899 m





lungo la variante di cresta...



un ricordo a Mario Merelli
Grande Alpinista ma soprattutto grande Uomo


escursionisti scendono...sullo sfondo il Monte Guglielmo - Gölem


piacevoli incontri