IL MIO ZAINO NON È SOLO CARICO DI MATERIALI:
DENTRO CI SONO LA MIA EDUCAZIONE, I MIEI AFFETTI, I MIEI RICORDI,
IL MIO CARATTERE, LA MIA SOLITUDINE.
IN MONTAGNA NON PORTO IL MEGLIO DI ME STESSO:
PORTO ME STESSO, NEL BENE E NEL MALE.
Renato Casarotto

martedì 30 dicembre 2014

Cima Blum ultima uscita dell'anno

Anche il 2014 sta per finire, un'anno costellato da tante belle uscite in montagna, quanti chilometri percorsi, quante cime raggiunge, ma soprattutto quanti bellissimi momenti trascorsi insieme agli amici e a volte anche da solo. Il freddo oggi si è fatto sentire, -10 mentre in auto percorrevamo l'altopiano di Clusone e anche se l'escursione si svolge quasi sempre al sole, il freddo si è fatto comunque sentire, soprattutto una volta arrivati in cima, dove soffiava un'aria gelida!!!

Da Milano seguiamo l'autostrada A4 e dopo l'uscita al casello di Bergamo, proseguiamo in direzione "Val Seriana - Clusone - Passo della Presolana". Arrivati a Rovetta saliamo verso la parte alta del paese fino alla sede degli alpini in Via Zenier dove parcheggiamo l'auto 700 m. Ci incamminiamo verso la strada sterrata, all'inizio della quale si può consultare su una grande bacheca la cartina con i principali sentieri della zona. Iniziamo a salire, alternando alcuni tratti in cemento, subito dopo aver oltrepassato una stalla con accanto una baita giungiamo a un bivio, proseguiamo diritti, tralasciando sulla sinistra le indicazioni per il "Sentiero de BOT - M.te Blum/Campos/Zenier", da dove poi faremo ritorno. Oltrepassato un pannello didattico, sul quale vengono descritte le caratteristiche del percorso che stiamo facendo, continuiamo sulla strada sterrata, in parte ghiacciata e in breve arriviamo al un bellissimo presepe realizzato dagli abitanti di Rovetta. Riprendiamo a salire all'interno di un fitto bosco, dove i raggi caldi del sole faticano a penetrare e in questa giornata particolarmente fredda sarebbero stati ben graditi. Arrivati a un bivio, lasciamo a sinistra le indicazioni per la Cima Blum e proseguiamo a destra salendo verso l'alpe Parè, con questa variante si allunga il percorso, ma si può fare un bel giro ad anello. Poco prima d'affrontare l'ultimo strappo per l'alpe Parè sulla nostra sinistra possiamo notare alcuni cartelli in legno e il sentiero che poi andremo a fare per raggiungere la Cappella degli Alpini. Arrivati all'alpe Parè 1199 m, dopo una breve pausa e salutati alcuni infreddoliti asinelli ridiscendiamo fino al bivio citato. Non capiamo perché questo sentiero non sia menzionato sui cartelli ma e comunque segnato dai segni di vernice bianco/rossi e anche segnalato sulla cartina posta all'inizio della strada sterrata come "Sentiero di Rò", noi l'abbiamo scoperto grazie all'indicazione di un signore di passaggio! Il sentiero dopo un primo tratto in falsopiano, con belle vedute sulla conca di Clusone, inzia a salire leggermente arrivando poco sotto alla Cappella degli Alpini, incrociato il sentiero principale in pochi minuti raggiungiamo la suddetta cappella. Ammirato il panorama, scendiamo verso le baite sottostanti seguendo il sentiero 317, poco prima d'arrivare alle baite pieghiamo verso destra e risalendo i dossi erbosi ricoperti dalla recente nevicata arriviamo sull'ampia Cima Blum 1297 m. L'aria gelida ci costringe a una veloce ritirata e ridiscesi alle baite ci accomodiamo sorseggiando un buon bicchiere di tè caldo, sperando che il sole faccia il suo dovere riscaldandoci. Per il ritorno seguiamo la strada sterrata che scende verso sinistra, alcuni tratti oltre a essere ghiacciati sono anche ripidi e per non scivolare decidiamo di calzare i ramponcini almeno in questi brevi tratti. Arrivati a un bivio abbandoniamo la sterrata e seguiamo il sentiero a destra per Campos. Dopo un serie di tornanti, raggiungiamo una baita isolata in mezzo al bosco, da qui riprendiamo a scendere su una strada sterrata e tralasciata a sinistra la stradina per la Cascina Gallo 919 m, in breve arriviamo nei pressi di alcune baite, con una cappellina 910 m. Proseguiamo ora verso sinistra e in breve arriviamo al bivio incontrato al mattino, da dove ripercorriamo il medesimo itinerario fino a Rovetta. Escursione da ripetersi sicuramente con la bella stagione, salendo alla Cima Parè.
Malati di Montagna: Lorenzo, Pg e Homo Selvadego

Cappella Alpina dell'ANA di Rovetta


in ricordo dei 63 soldati partiti per il fronte e mai più ritornati


salendo alla Cima Blum


verso Cima Blum


panorama sulla sottostante Rovetta e sulla conca di Clusone 


brrrrrr....freddo...!!!


anche l'inverno ha il suo fascino...





2 commenti:

  1. Buona Cima per chiudere in bellezza il 2014 ! ..... e che il 2015 sia ancor meglio !

    Auguri Malati !
    Luca e Marisa - Montagne Sottosopra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca un buon 2015 anche a te...pieno di tante belle uscite...in montagna...mandi

      Elimina