Il mio zaino non è solo carico di materiali:
dentro ci sono la mia educazione, i miei affetti, i miei ricordi,
il mio carattere, la mia solitudine.
In montagna non porto il meglio di me stesso:
porto me stesso, nel bene e nel male
Renato Casarotto

sabato 2 giugno 2012

Punta Almana sui sentieri dei partigiani e non solo...

Dall'autostrada A4 direzione Venezia prendiamo l'uscita Rovato, alla prima rotonda svoltiamo a sinistra seguendo le indicazioni per la Valcamonica e il Lago d'Iseo, proseguendo sulla statale 510 risaliamo la sponda bresciana del lago e oltrepassato Sulzano in pochi minuti arriviamo a Sale Marasino 190 m. In prossimità di una rotonda svoltiamo a destra passando sotto un cavalcavia della ferrovia, al seguente bivio svoltiamo nuovamente a destra seguendo le indicazioni per la Trattoria Portole 560 m che raggiungiamo senza particolari difficoltà, per la scarsità di parcheggio volendo l'auto la si può lasciare in un prato poco più in alto sulla sinistra adibito all'atterraggio per coloro che fanno parapendio, chiedere eventualmente.
Dalla targa tricolore con la scritta "Sentiero Giustizia e Libertà Barnaba" seguiamo la stradina selciata a sinistra che fra prati e castagni si alza moderatamente per portarsi alla cappella di Olo 704 m con vicina I'omonima cascina. 
Oltrepassata una fontana proseguiamo alternando tratti a fondo naturale con altri cementati, con un largo giro nella valle del torrente Vigolo arriviamo alla cascina di Noase 864 m. La  salita ora diventa alquanto ripida, sotto le falde nord occidentali della Punta Almana, superata la cappella di Gotola 957 m finalmente raggiungiamo la Forcella di Sale 1108 m.
Dalla palina segnavia accanto alla santella dedicata alla Vergine, seguiamo le indicazioni per la via normale alla cima, il sentiero si abbassa leggermente a destra, per poi continuare in piano, dopo una fresca fontana passiamo accanto a una baita e in breve arriviamo a una palina segnavia, da dove svoltiamo a destra entrando in un bellissimo bosco. Iniziamo a guadagnare velocemente quota portandoci sul versante orientale,  alcuni brevi tratti esposti sono stati messi in sicurezza con paletti e un cavo d'acciaio, immaginiamo che nelle giornate limpide si ha una bella vista sulle valli laterali della Val Trompia e delle tante cime circostanti...monte Guglielmo compreso...
Raggiunta una sella erbosa pieghiamo a destra risalendo l'ampia cresta tra le nuvole,  in breve arriviamo alla  grande croce di vetta della Punta Almana 1389 m, la vista da qui dovrebbe essere splendida ma oggi la fortuna non è dalla nostra parte, almeno per ora…
Firmato il libro di vetta ci riposiamo per qualche minuto, nel frattempo veniamo raggiunti da altre persone anche loro delusi dalla mancanza dei panorami, per il ritorno scendiamo lungo la cresta meridionale, nota come Dosso Pelato, il sentiero è spettacolare anche se in alcuni tratti è da percorrere con cautela. Durante la discesa magicamente le nuvole si diradano aprendo una splendida veduta sul Lago d’Iseo con la sua isola lacustre "Montisola” che risulta essere la più grande d’Europa. Dopo un breve tratto in qui riprendiamo debolmente quota ci fermiamo qualche istante osservando alle nostre spalle l’intero filo di cresta appena percorso, riprendiamo a scendere tra radi arbusti arrivando all'ampia sella della Croce di Pezzuolo 937 m, qui ha termine il tratto più spettacolare dell'escursione. 
Siamo ad un importante crocevia di numerosi sentieri, seguiamo a destra la variante bassa del sentiero "3V" (un lungo trekking in sette tappe che sale da Brescia fino alla testata della Val Trompia) entrando per un breve tratto in un fittissimo bosco di conifere, usciti nuovamente all'aperto scendiamo tra i prati arrivando in breve al Rifugio-trattoria Pezzolo, meglio conosciuto come "Pastina" 813 m. 
Seguiamo ora l'ampia strada sterrata, tralasciando un primo bivio e raggiungendo in breve le Sorgenti di Giaive dove ci fermiamo a rinfrescarsi e a far rifornimento d’acqua. 
Proseguendo la sterrata finisce col confluire in una cementabile, tralasciamo un primo bivio e arrivati al secondo decidiamo di continuare (volendo si può anche scendere da qui), dopo una breve salita eccoci nuovamente al bivio incontrato durante l'andata, da qui in poi ripercorriamo la mulattiera fatta al mattino.
Malati di montagna: Danilo e Fabio

i raggi del sole qui fanno fatica ad entrare...


le nuvole si diradano...


...almeno si spera


fiorin fiorello...


si intravede qualcuno salire...


ma siamo sicuri che dobbiamo scendere da qui...


meno male che ci si vede...


Montisola


finalmente un po' di panorami...


Croce di Pezzuolo 937 m


Punta Almana 1389 m



Il sentiero partigiano n. 6 “Brigata Giustizia e Libertà Barnaba” attraversa i comuni di Sultano, Sale Marasino, Marone, sulla sponda orientale del lago d’Iseo, ha uno sviluppo complessivo di 31 Km (10.30 ore) e è uno dei numerosi itinerari secondari (alcuni provenienti dai fondo valle ed altri in quota) che seguono gli stessi percorsi che costituivano la rete di collegamento delle varie formazioni partigiane. Le zone percorse da questo sentiero videro all’opera la brigata partigiana Giustizia e Libertà “Barnaba”. La maggioranza degli uomini che entrarono a farne parte era gente del posto che partecipò il 9 novembre 1943 alla battaglia di Croce di Marone, la prima della Resistenza in terra bresciana. I suoi caduti, molti dei quali morirono nei campi di sterminio nazisti, dove venivano deportati dopo la cattura, sono ricordati con il monumento eretto sul panoramico Dosso della Rovere, una delle più importanti basi di appostamento, dalla quale ci si teneva in contatto anche con decine di ex prigionieri alleati che si accompagnavano verso la Svizzera.


durante la via del ritorno ecco spuntare il lago...


su Punta Almana tra le nuvole...

1 commento:

  1. zone di sentieri bresciani , grazie per aver citato i sentieri della resistenza .
    ciao da paolo63 sentieribresciani.blogspot.it

    RispondiElimina