Il mio zaino non è solo carico di materiali:
dentro ci sono la mia educazione, i miei affetti, i miei ricordi,
il mio carattere, la mia solitudine.
In montagna non porto il meglio di me stesso:
porto me stesso, nel bene e nel male
Renato Casarotto

venerdì 7 agosto 2009

CIAO RICCARDO!


Con la scomparsa di Riccardo Cassin il mondo perde un'importante testimonianza dei valori che sono alla base dell'uomo e dell'alpinista.
Questa notte nella sua casa a Pian dei Resinelli, Riccardo Cassin all’età di 100 anni ha raggiunto la sua cima più alta. La scomparsa del grande alpinista e maestro di vita lascia nel cuore degli appassionati di montagna e di alpinismo un vuoto incolmabile.
“Il suo messaggio” – queste le parole del Presidente Generale del CAI Annibale Salsa - “era un messaggio di umanità prima ancora che di eccellenza tecnica. Era esattamente ciò di cui ha bisogno l’ambiente alpinistico, soprattutto giovanile: ricordare che i valori umani superano e fondano quelli tecnici. Riccardo – prosegue Salsa – ripeteva spesso che la montagna è un grande valore educativo di per sé, a qualunque livello, e la sua vita ne è stata la più piena testimonianza.”

CLUB ALPINO ITALIANO

Nessun commento:

Posta un commento