IL MIO ZAINO NON È SOLO CARICO DI MATERIALI:
DENTRO CI SONO LA MIA EDUCAZIONE, I MIEI AFFETTI, I MIEI RICORDI,
IL MIO CARATTERE, LA MIA SOLITUDINE.
IN MONTAGNA NON PORTO IL MEGLIO DI ME STESSO:
PORTO ME STESSO, NEL BENE E NEL MALE.
Renato Casarotto

giovedì 30 gennaio 2020

Ultimo dell’anno in Valle Antrona: ciaspolata Cheggio - Cavallo di Ro


In Valle Antrona regna un silenzio cui non si è abituati, sinonimo di tranquillità e natura incontaminata.
Ciaspolare in Valle Antrona ci porterà alla scoperta di una valle intatta, con villaggi alpini e paesaggi ammantati di neve: un’esperienza davvero indimenticabile!!

Malati di Montagna: Chiara & Roberto
(31 dicembre 2019)

Prime luci dell'alba sulle cime sopra il paese di Antrona (Punta di Trivera, 2148 m)

Si risale in auto, da Villadossola, la strada per la Valle Antrona fino al comune di Antrona, dove si devia a destra seguendo l’indicazione per Cheggio e continuando per altri 7 km. Il percorso è completamente su strada provinciale asfaltata tenuta sgombra dalla neve.

Ecco l’itinerario realizzato da Marina Morandin e tratto dalla guida “Ciaspole nelle Valli dell’Ossola” di Marina Morandin e Marco De Ambrosis, edita da Danilo Zanetti Editore.

A Cheggio, parcheggiamo l’auto dinanzi alla partenza del piccolo skilift, e saliamo lungo il vallone del Passo del Fornalino, collegamento estivo con la Val Bognanco.


Alpe Cheggio (1497 m)



Sassifraghe congelate!

Raggiunte le baite dell’Alpe Meri Inferiore, quasi completamente sommerse dalla neve ...


... ci dirigiamo a destra in direzione delle sovrastanti baite dell’Alpe Meri (1661 m).

Il panorama è già emozionante: appena sopra Cheggio ecco la diga del Bacino dei Cavalli, il Pizzo Andolla e la Wiessmies.


Pizzo Andolla (3656 m) e Weissmies (4017 m); al centro, in basso, il Rifugio Andolla.


Alpe Meri (1661 m)






Da questo punto seguiamo con dolce pendenza costante una traccia su pista forestale a tornanti fino alla dorsale che seguiamo in cresta per alcune decine di metri fino al punto panoramico (1895 m) da dove ammiriamo tutto il corollario delle magnifiche cime tra i tre e i quattromila metri che caratterizzano questa porzione dell’Ossola.

Pizzo Montalto (2705 m), Pizzo del Fornalino (2562 m) e Passo del Fornalino (2345 m)



Bacino dei Cavalli (1490 m)





La cresta verso il Passo del Fornalino





Cavallo di Ro (1895 m)



il paese di Antronapiana

i laghi di Antrona e Campliccioli


Per il ritorno seguiamo l’itinerario della salita.




Lungo il percorso sono sconsigliate deviazioni verso il passo del Fornalino e ancor più, raggiunta la dorsale Cavallo di Ro, il proseguimento lungo il sentiero estivo verso le dirimpettaie Alpi di Cama causa pericolo valanghe nei ripidi pendii.







le baite dell'Alpe Meri con un'altra luce ...



Alcune evidenti tracce indicano la presenza della lepre alpina!!





domenica 26 gennaio 2020

Da Domodossola a Tappia, lungo la Via dei Torchi e dei Mulini

Piacevole escursione in mezzo ai boschi, alla riscoperta delle vecchie mulattiere che univano le frazioni alte di Domodossola. Si attraversano i caratteristici borghi, dove ancora si possono vedere gli antichi torchi e i forni per il pane, un vero e proprio salto indietro nel passato, entrando in contatto con le tradizioni contadine e le usanze tipiche delle valli ossolane. Come a Tappia dove è presente ancora l’antico forno comunitario del pane risalente al 1871, oppure ad Anzuno con il suo grande torchio per pigiare l’uva e i mulini per la macinazione della segale. Una nota particolare per il Sacro Monte Calvario di Domodossola, uno dei siti religiosi, storici ed ambientali più importanti del Piemonte. Dal 2003 inserito nella lista dei Sacri Monti alpini Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Unica variante, la salita e discesa da Domodossola al Sacro Monte Calvario, lungo la storica Via Crucis.
Malati di Montagna: Danilo, Renzo, Lorenzo, PiGi e il selvadego














San Defendente e ai Gruppi


Quana



La Tensa


Anzuno




Mulini




zona umida...no problem...!!!


la storica Cappella dell'Oro


panorama e panoramica...


Tappia




sulla via del ritorno...


Crosiggia 
Chiesa del Sacro Cuore